9 gennaio, 2023

5 modi per usare le stories di Instagram nello storytelling aziendale

Chiara Ravaro

Abbiamo già parlato dell’importanza dello storytelling come strumento aziendale e sappiamo quanto le storie siano fondamentali per coinvolgere e far empatizzare i nostri interlocutori. Nell’ambito social, uno strumento da integrare nel tuo piano editoriale per raccontare l’identità aziendale sono le stories di Instagram.

In questo modo potresti sfruttare questo tipo di storytelling visuale e temporaneo per concentrarti su tipologie di contenuti in tempo reale (per esempio: i dietro le quinte) e fortemente orientati alla brand identity (chi è la tua azienda, chi fa parte del tuo team, di cosa vi occupate, ecc.).

 

I diversi tipi di storytelling sulle stories di Instagram

Ecco alcuni esempi di utilizzo delle stories su Instagram a livello aziendale. Si tratta di usi che abbiamo già implementato nella nostra strategia social e che speriamo possano esserti utili.

  1. Mettere in evidenza le stories più importanti per creare un menù di navigazione;
  2. Raccontare i casi del portfolio con stories tematiche;
  3. Anticipare nelle stories i punti-chiave degli articoli del blog;
  4. Promuovere gli eventi aziendali con stories dedicate;
  5. Usare le stories per far entrare i follower all'interno dell'azienda.

 

1. Mettere in evidenza le stories più importanti per creare un menù di navigazione

Le stories sono per loro natura dei contenuti che hanno una durata limitata nel tempo e rimangono disponibili solo per 24 ore prima di scadere e non essere più visibili sul profilo. Ma questa caratteristica può essere superata con un espediente: le stories in evidenza sul profilo.

In questo modo possiamo “fissare” alcune stories specifiche perché rimangano sempre visibili al di sotto della bio dell’account. Un modo molto utile per sfruttare questa funzionalità è usare le stories in evidenza come se fossero le etichette del menù di navigazione di un sito.

Le attuali stories in evidenza sull'account Instagram di Sinfonialab

Noi abbiamo scelto di inserire in questa parte del profilo le informazioni più utili a chi atterra sulla pagina per la prima volta:

  • Chi siamo: per presentare l'agenzia e la nostra mission;
  • Cosa facciamo: per indicare la nostra offerta e reindirizzare alle pagine dei diversi servizi tramite link;
  • Dicono di noi: per condividere le recensioni raccolte nel corso degli anni dai nostri clienti al termine dei progetti che li hanno coinvolti;
  • Newsletter: per invitare gli interessati a iscriversi alla newsletter mensile.

 

Se usate in questo senso, le stories in evidenza ti permettono di raccontare da subito il brand, la sua identità e i suoi valori anche (e soprattutto) a chi ancora non ti conosce e magari si ritrova sulla tua pagina senza aver mai sentito parlare della tua azienda.

Non dimenticarti di personalizzare le copertine delle stories in evidenza dal punto di vista grafico e testuale: in questo modo puoi dare coerenza ai contenuti, collegandoli con la palette e l’identità visiva del brand, e renderli più intuitivi.

 

2. Raccontare i casi del portfolio con stories tematiche

Come sappiamo bene, i post di Instagram non permettono di inserire dei link cliccabili all’interno della descrizione testuale. Questo aspetto limita la possibilità di reindirizzare gli utenti su altri canali aziendali come il sito web, una landing page, altre pagine social, ecc. Per ovviare al problema, puoi usare la classica dicitura “link in bio” e inserire il link che ti interessa nel testo della tua bio.

Ma per quanto riguarda le stories? 

Inizialmente, la possibilità di inserire un link esterno nelle stories (il famoso “Swipe up”) era prevista solo per profili e pagine che superavano un certo numero di followers. Ora, invece, qualsiasi account Instagram può usare l’apposito sticker per inserire un link.

Questa funzionalità è molto utile e può essere sfruttata al meglio per esempio per reindirizzare alla sezione Portfolio del tuo sito. In questo caso, non limitarti a inserire il link e basta, ma crea uno storytelling attorno a ogni singolo caso studio, raccontando e contestualizzando anche in 2-3 stories prima di reindirizzare alla pagina web.

Stories pubblicate per raccontare i casi studio del portfolio Sinfonialab

Ricordati di sfruttare anche gli altri sticker messi a disposizione sull’app di Instagram per coinvolgere le persone che vedranno le tue stories. Per esempio, potresti:

  • Porre delle domande dirette mettendo a disposizione l’apposito box;
  • Proporre dei quiz a risposta multipla sull’argomento o sul settore di riferimento;
  • Fare dei sondaggi con doppia risposta;
  • Stimolare la partecipazione tramite gli sticker con le emoji;
  • Ecc.

 

3. Anticipare nelle stories i punti-chiave degli articoli del blog

Potresti usare la struttura che abbiamo appena visto anche per promuovere gli articoli del tuo blog aziendale sulla pagina Instagram. I consigli sono gli stessi: cerca di creare engagement sfruttando lo storytelling e coinvolgendo gli utenti grazie a domande, quiz, reazioni, ecc.

Concentrati sui punti-chiave dell’articolo in questione e dai delle anticipazioni che possano essere di reale interesse per le persone che vedranno quelle stories. In questo modo potrai guidarle in modo coerente e non improvviso verso il punto di arrivo: lo sticker con il link.

Stories per parlare dei punti-chiave degli articoli pubblicati sul blog di Sinfonialab

 

4. Promuovere gli eventi aziendali con stories dedicate

Le stories possono esserti utili anche per informare il tuo seguito su Instagram degli eventi organizzati dalla tua azienda o a cui parteciperai: webinar, workshop, fiere di settore, ecc. In questo caso potresti voler reindirizzare alla landing page con il form di raccolta iscrizioni, quindi le stories torneranno utili sia in questa fase sia, successivamente, per ricordare l’avvicinarsi dell’evento (magari sfruttando lo sticker del countdown, una funzionalità molto utile che ti consigliamo di non sottovalutare). 

Stories di promozione dell'evento passato Q&A di Sinfonialab

Nel nostro caso, abbiamo più volte usato le stories per lanciare i nostri webinar ed eventi Q&A, e attualmente le sfruttiamo per i workshop. Per questa tipologia di contenuto, il nostro consiglio è di non limitarti a inserire la locandina dell’evento tra le stories e basta. Anche in questo caso, il racconto va costruito con cura e, se ti è possibile, “metterci la faccia” è anche meglio!

Ricordati di dedicare 3-4 stories alla spiegazione dell’evento: di cosa si tratta, di cosa si andrà a parlare, quando, dove, a che ora, in che modalità… e se possibile aggiungi anche una chicca o una curiosità sul tema, magari entrando già nel dettaglio. Anche qui, puoi sfruttare tutti gli sticker che abbiamo visto in precedenza per coinvolgere le persone e creare un dialogo ancora prima che partecipino al tuo evento.

 

5. Usare le stories per far entrare i follower all'interno dell'azienda

Le stories possono essere uno strumento fondamentale anche per far vedere i dietro le quinte e la vita all’interno della tua azienda. Non temere di mostrare spontaneità con scatti o riprese più naturali che descrivono al meglio la giornata tipo in ufficio. Anzi, questa tipologia di contenuti è molto apprezzata perché ti consente di avvicinarti al tuo pubblico.

Instagram story pubblicata durante la cena aziendale Sinfonialab di dicembre 2022

Momenti in ufficio, pause pranzo, attimi di svago, cene aziendali, attività di outdoor per rafforzare il team building… tutte queste sono ottime occasioni da documentare per rendere più umano il tuo brand e per offrire spunti di conversazione più informale con i tuoi followers.

 

Integra lo storytelling social nella tua strategia di comunicazione

In conclusione, puoi integrare in modo efficace la tua strategia di comunicazione aziendale con lo storytelling sui social grazie alle stories di Instagram. Com’è ovvio, questi contenuti dovranno essere adattati al tuo Tone of Voice aziendale per mantenere coerenza tra i contenuti veicolati sulle varie pagine.

In linea generale, ricorda che ormai il video è di fondamentale importanza sui social, soprattutto su Instagram. È quindi un formato preferibile per creare engagement, rispetto a stories più statiche con foto o con solo testo.

Un ultimo consiglio che ci sentiamo di darti è: non aver paura di sperimentare e metterti in gioco. Assicurati di mantenere sempre coerenza con la tua voce di brand, ma non aver timore di provare varie soluzioni per trovare quella più adatta a te e al tuo pubblico di riferimento. Saranno le statistiche delle stories (le stesse che potrai integrare nel tuo report social) a parlare chiaro e a dirti quanto quel contenuto e quel formato funzionano davvero per la tua strategia.

 

 

PERCORSO PER AZIENDE - CONTENT MARKETING